SE NON DIVENTERETE COME I BAMBINI (presenti nel presente, qui ed ora), NON ENTRERETE NEL REGNO DEI CIELI (la consapevolezza) - Gesù di Nazareth -

lunedì 16 aprile 2018

SIMBOLO DEL CAVALLO

IL CAVALLO NERO (aspetto negativo) 
La simbologia che riguarda il cavallo è vastissima e spazia dagli aspetti eroici e luminosi a quelli oscuri di bestia “infernale” posseduta da uno spirito indomito e malvagio, concentrato di energia demoniaca. E' simbolo della nostra forza volitiva quindi indomita o addomesticata. Il cavallo nero è affascinante in quanto ispira mistero, molto ricorrente nei sogni delle passioni trasgressive, dei desideri sessuali proibiti, di una forza distruttiva (tipo i 4 cavalieri dell'Apocalisse). Quando il cavallo agisce a favore delle forze del male è simbolo della parte maschile psichica in noi succube della sua ombra , per questo schiavizza in noi la parte femminile (non vi meravigliate quindi se tante donne sono attratte dall'uomo bastardo o tanti uomini sono affascinati dalle donne esibizioniste). ATTENZIONE: se sapete orientare questa forza a vostro favore il nero acquista una valenza POSITIVA, come lo è il nero della notte per vedere le stelle, è la forza dell'autodisciplina e dell'autocritica che sa riconoscere i propri sbagli e farne esperienza.


IL CAVALLO BIANCO (aspetto positivo)
La simbologia che riguarda il cavallo è vastissima e spazia dagli aspetti posotivi eroici e luminosi a quelli negativi oscuri di bestia “infernale”. E' simbolo dell'istinto inconscio reso consapevole quindi ci rende regali (ogni grande cavaliere ha un degno cavallo). Il cavallo bianco è generalmente legato all’istinto che viene guidato ed incanalato, che tende alla trascendenza delle pulsioni fisiche e guida verso l’energia spirituale. E' la forza del femmineo che possiede nella sua spiritualità la forza natura di un animale potente (il cavallo). ATTENZIONE: Il bianco può acquistare una forza negativa quando le persone cercano nel bianco una purezza e una chiarezza irreale maniacale, quando il cavallo diventa bianco intoccabile per la sua purezza moralista è un richiamo di certe persone intoccabili per una tendenza maniacale di ipersensibilità pignola scorbutica e permalosa, quindi i classici e tipici perfezionisti che eliminerebbero qualsiasi imperfezione tranne questa loro maniacale sete di perfezione assurda ed irreale. 

Nessun commento:

Posta un commento