SE NON DIVENTERETE COME I BAMBINI (presenti nel presente, qui ed ora), NON ENTRERETE NEL REGNO DEI CIELI (la consapevolezza) - Gesù di Nazareth -

mercoledì 22 marzo 2017

NOI SIAMO DEI

IL MITO CINESE DI PANGU
All'inizio del tempo le forze di yin e yang interagivano in modo caotico all'interno di una massa cosmica simile ad un uovo. Nel corso del tempo queste interazioni tra sostanze hanno dato vita ad un essere, un gigante di nome Pan Gu.
Pan Gu ha dormito ed è cresciuto dentro l'uovo per 18.000 anni. Al suo risveglio e trovandosi da solo, ha deciso di rompere l'uovo, iniziando la separazione tra le forze di yin e yang. Gli elementi di natura yin erano scuri e pesanti e sono affondati in basso per formare la Terra. Gli elementi di natura yang erano luminosi e chiari e sono saliti in alto per formare i Cieli. E così furono Cielo e Terra.
Pan Gu era in ansia perché le due metà si sarebbero chiuse di nuovo; così si dispose tra le due parti per tenerle separate. Ogni giorno che passava, il cielo si elevava di dieci piedi sopra di lui e la Terra si ispessiva di dieci piedi sotto; Pan Gu stesso cresceva di dieci piedi solo per tenere il passo con la crescente distesa, aspettando.
Fu un lavoro solitario e faticoso che durò altri sei milioni cinquecento settantamila giorni, o altri 18.000 anni, fino a quando si accertò che i regni si erano finalmente stabilizzati. Poi, con un grande schianto, Pan Gu si sdraiò e morì.
Dopo il crollato dello stanco Pan Gu, una trasformazione miracolosa ebbe luogo: il suo ultimo respiro si trasformò in vento e nuvole; la sua voce in un tuono rombante; il suo occhio sinistro divampò nel sole e l'occhio destro brillò nella luna; i capelli e la barba diventarono le stelle della Via Lattea; le membra, le mani e i piedi si trasformarono in grandi montagne e il sangue che gli scorreva nelle vene, in fiumi; la sua carne trasformata in fertili terreni agricoli e le sue ossa a pietre preziose e minerali; i denti e le unghie diventarono metalli lucenti; i peli della pelle fiorirono in una vegetazione lussureggiante e il sudore dalle sue immani fatiche caddero come l'acqua piovana per il mondo mortale.
Alcuni dicono che lo spirito di Pan Gu non si è estinto ma trasformato negli esseri umani, il che coincide con l'antica credenza cinese che gli esseri umani sono l'anima di tutta la materia.
Pan Gu sacrificò la sua vita e il suo corpo per creare il mondo e per arricchirlo e abbellirlo. Ora i cieli splendono di corpi celesti luminosi, la Terra è sagomata da grandi montagne e fiumi, la flora e la fauna esistono in abbondanza. Pan Gu, il gigante-dio, venuto fuori da un uovo, non è da nessuna parte, ma può essere trovato ovunque nel mondo.



Continua Qui le tracce degli Dei antichi

Nessun commento:

Posta un commento